Le competenze e gli strumenti a disposizione del Garante per la Sorveglianza dei prezzi sono i seguenti:
 

Le competenze 

  • Verifica delle segnalazioni delle associazioni dei consumatori, analisi delle ulteriori segnalazioni e avvio, ove necessario, di indagini conoscitive finalizzate a verificare l’andamento dei prezzi di determinati prodotti e servizi;
  • Convocazione delle imprese e delle associazioni di categoria interessate al fine di verificare i livelli di prezzo dei beni e dei servizi di largo consumo corrispondenti al corretto e normale andamento del mercato;
  • Tenuta ed elaborazione delle informazioni che pervengono dagli Uffici prezzi delle Camere di commercio;
  • Coordinamento e confronto con le altre istituzioni, nazionali e locali, e potenziamento del dialogo tra imprese e associazioni dei consumatori;
  • Valorizzazione e promozione delle best practice a contrasto dell'aumento dei prezzi.

Gli strumenti

  • Collaborazione con l'Istat, con i Ministeri competenti per materia, con l'Ismea, con l'Unioncamere, con le Camere di commercio industria, artigianato e agricoltura
  • Supporto operativo della Guardia di Finanza per lo svolgimento di indagini conoscitive
  • Raccordo con gli Uffici prezzi istituiti dalle Camere di commercio

Il Garante riferisce le dinamiche e le eventuali anomalie dei prezzi al Ministro dello Sviluppo Economico tanto al fine della formulazione di segnalazioni all'Antitrust, quanto per la formulazione di proposte normative.

Torna su